DIC EMILIA ROMAGNA ALLA PRESENTAZIONE DEL LBRO "SCALOGNO DI ROMAGNA IGP"


22/07/2023

L’associazione Donne in Campo dell’Emilia Romagna, rappresentata dalla presidente Miriana Onofri insieme a Stefania Malavolti Presidente Donne in Campo Cia Romagna, ha partecipato, alla presentazione del libro intitolato “Scalogno di Romagna Igp” della giornalista Alessandra Giovannini, tenutosi all’interno della 31a Sagra dello Scalogno di Romagna Igp, a Riolo Terme.

Il libro è un lavoro di grande interesse che racconta la storia, la tradizione, il lavoro agricolo passato e attuale, vitale per questo piccolo ma prezioso bulbo tipico Igp e per i suoi produttori; fra le pagine emerge una lungimirante sinergia e collaborazione tra Istituti, Enti e Associazioni di questo territorio romagnolo.

“Siamo riconoscenti a Glenda Vignoli - ha detto Miriana Onofri -, di fatto unica donna del Consiglio del Consorzio dello Scalogno di Romagna Igp e associata Donne in Campo Cia Romagna, che si distingue per questo meritato riconoscimento. Glenda, insieme alla sua famiglia, impegnata dal 1993 a organizzare la prima Sagra con la Pro Loco di Riolo Terme e ora con suo marito, ha sempre creduto in questo progetto condiviso, e oggi coltiva e tramanda questa passione di generazione in generazione con grande sacrifico e spirito di unione e cooperazione. Ancora una volta emerge la straordinaria capacità di una imprenditrice agricola di coniugare il lavoro, la famiglia e la realtà agricola, e questo è uno degli obbiettivi della nostra associazione: tutelare il ruolo della donna in agricoltura, garantire un reddito paritario e dei servizi efficienti nelle aree rurali”. La Onofri ha quindi ringraziato l'assessore regionale Alessio Mammi e il sindaco di Riolo Terme Federica Malavolti, presenti all’iniziativa, per il loro lavoro e impegno proprio in relazione a questi temi.

La presidente ha poi concluso dicendo: “Donne in campo Emilia Romagna e Cia Emilia Romagna credono e investono nella tutela e valorizzazione dei prodotti tipici Igp e Dop come traino dell'agroalimentare, a garanzia di una sicurezza alimentare che portiamo sulle mense di tutto il mondo; perchè crediamo che investire nelle piccole medie imprese e sostenere questi progetti, significhi dare una certezza per il futuro non solo di produttività, competizione e innovazione, ma di qualità della vita”.

Visite: 315