GEMELLAGGIO TRA DONNE IN CAMPO DI LIVORNO E VENEZIA


Confrontarsi, scambiare ed arricchire le reciproche esperienze. In un momento di crisi del settore primario, ma al contempo di grande vitalità e intraprendenza delle imprenditrici agricole, uscire dalle proprie realtà aziendali per visitarne altre, anche in altre regioni, può essere di grande utilità. Questo lo spirito che ha animato l’incontro svoltosi il 18, 19 e 20 gennaio scorsi, a Livorno, tra le imprenditrici di Donne in Campo Cia della città toscana e quelle di Venezia. Un vero e proprio gemellaggio.

Il programma è stato ricco ed intenso. Il 18 gennaio la prima tappa è stata l’azienda agrituristica “Dolci Ricordi” di Livia Campanelli a Livorno.Nel pomeriggio incontri a Rosignano M., con Manola Pizzi, coordinatrice di Donne in Campo, e"Microstoria”, che gestisce un punto vendita.Poi da Alba Gasparet, al Podere Alba.Cenae daLoredana Bartolomei a Castagneto Carducci.

Il19 pranzo da Sabina Mannucci a Castelnuovo, agriturismo con attività didattiche per bambini ed adulti, dove è in svolgimento il corso”Agricolori”.Nel pomeriggio a Bibbona all’agriturismo di Lia Galli, l’autrice di “Le 3 C della mia cucina”. Il 20 gennaio, infine,a Sassetta all’agriturismo “La Cerreta” di Mazzanti,dove si producono coltivazioni biologiche.

Alla fine della simpatica iniziativa, alla presenza del vicepresidente della Cia Toscana Valentino Vannelli, del presidente della Cia di Livorno Stefano Poleschi, del presidente della Cia di Venezia Mario Quaresimin e della vicepresidente vicaria nazionale di Donne in Campo, Anna Maria Dini,le rappresentanti di Donne in Campo di Veneziahanno contracambiato l’invito, pronte ad ospitare nelle loro aziende le imprenditricilivornesi.

Visite: 1103